Top
Image Alt

Le biblioteche


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.googol.it/home/wp-content/plugins/edge-cpt/shortcodes/section-title/section-title.php on line 274

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.googol.it/home/wp-content/plugins/edge-cpt/shortcodes/section-title/section-title.php on line 282

Le biblioteche

Scienza, gioco e lettura

Non esiste un momento del gioco, un momento della lettura ed un momento della scienza. Si fa scienza anche ponendosi domande e guardando il mondo con curiosità e si guarda il mondo con curiosità e ci si pongono domande anche leggendo una bella storia.
Quindi perché non fare scienza leggendo storie?
Questo è lo scopo delle iniziative realizzate in biblioteca partendo dall’osservazione e dalla lettura di un libro. E’ proprio la curiosità di capire alcuni aspetti della storia a spingere i bambini a sperimentare per capire. La lettura è integrata da giochi ed esperimenti che consentono di toccare con mano alcuni dei concetti emersi

Queste alcune delle attività:

  • una lettura particolare
  • creiamo un libro di scienza
  • celebrazioni di Andersen (2005)

La lettura e la narrazione di storie e personaggi legati alla scienza e alla scoperta scientifica stimolano le domande e le curiosità per risolvere le quali è necessario confrontarsi, sperimentare e provare. I nostri laboratori partono proprio da questa idea e stimolano i bambini al ragionamento, ma anche alla sperimentazione diretta. L’idea non è quella di portare i bambini alla realizzazione di un esperimento, ma piuttosto, attraverso la proposta laboratoriale, di mostrare loro che provare e sperimentare scientificamente la realtà è possibile ed anche molto divertente. Nei libri si possono trovare oltre a tante domande anche tanti suggerimenti per accrescere la curiosità scientifica e per stimolare quello stupore sena il quale la ricerca scientifica non sarebbe mai andata avanti.

Alcune proposte:

Il mio amico extraterrestre

Siamo soli nello spazio? Partendo da una lettura del libro “il nostro amico ET” i bambini vengono stimolati a ragionare sulla via extraterrestre e su come potrebbe essere un eventuale alieno. Già i popoli antichi pensavano che non esistessero solo i terrestri ma che anche il cielo fosse popolato di persone importanti.  Essi proiettavano fra gli astri gli dei e i protagonisti dei miti.  Per esempio, il capo degli dei nella religione greca era Giove, uno dei pianeti più luminosi…  C’era poi la dea dell’amore, Venere, un pianeta bellissimo che splende più di ogni altro nel cielo, a volte il mattino e, a volte, la sera…  Oggi sappiamo che esistono migliaia di pianeti simili al nostro e che probabilmente la vita nello spazio esiste davvero. Ma come sono gli extraterrestri? Come li immaginiamo? Ciascun bambino, con il cartone riciclato, costruisce durante il laboratorio, fra narrazioni e grandi domande, il suo extraterrestre snodato de quale dovrà continuare a prendersi cura.

Testi di riferimento

  • Il nostro amico ET, Lara Abanese e Franco Pacini, Jaca Book
  • Costellazioni, le stelle che disegnano il cielo, Lara Albanese, Editoriale Scienza

 

 

 

 

Accendo le costellazioni

Partendo da alcuni racconti sulle stelle e sulle costellazioni si propone ai bambini la realizzazione di pannelli luminosi che lasciano le costellazioni a brillare nella loro classe.  Durante il laboratorio la classe viene divisa in quattro gruppi ciascuno dei quali realizza una diversa costellazione su un pannello quadrato di circa un metro di lato. Grazie ad alcune piccole luci a LED le costellazioni brilleranno per il resto dell’anno scolastico nella classe. Verranno inoltre forniti ai bambini e alle bambine gli strumenti per ritrovarle la notte anche nel cielo vero.

Testi di riferimento

  • Serie “le costellazioni e i loro miti” Lara Albanese, Jaca Book
  • Atlante del cielo, Lara Albanese e Lucia Scuderi, Jaca Book
  • Costellazioni, le stelle che disegnano il cielo, Lara Albanese, Editoriale scienza

Il cubo delle stelle

 Il cielo stellato avvolge il nostro pianeta e per questa ragione le stelle che si vedono dall’altra parte del mondo non sono quelle che si vedono nel nostro emisfero. D’altro canto esistono costellazioni che si vedono da ogni lato della terra come per esempio, Orione. Per capire questo proponiamo ai bambini di costruire un cubo che rispetti la posizione delle stelle ponendo le basi per comprendere le coordinate astronomiche. Il confronto fra le varie mitologie ci permette anche di rendere il cubo animato da diversi personaggi che escono dalle storie che vengono narrate durante il laboratorio.

Testi di riferimento

  • Come Coperta il cielo, Lara Albanese e Fuad Aziz, Jaca Book
  • La croce del sud, Lara albanese, Jaca Book
  • Costellazioni, le stelle che disegnano il cielo, Lara Albanese, Editoriale Scienza
  • Serie “Costellazioni, le stele che disegnano il cielo”